Chi Siamo

A Few Words è una rivista di racconti, short stories, poesia e umorismo, pensata e creata per promuovere e valorizzare autori inediti.

Un progetto pensato e dedicato a coloro che guardano alla letteratura come a un indispensabile filtro fra azione ed emozione, fra realtà e creatività, tra il gesto di un bacio e le parole che servono a farlo sentire sulla pelle.
Non ci sono capi. Non ci sono selezioni. Nessuno si fregia di titoli e non vengono rilasciati attestati: la molla che ci anima è l’essenza stessa dello scrivere. Unici requisiti: voglia di mettersi alla prova accettando “sfide letterarie”, desiderio di condividere la propria passione, giocosità, ironia, apertura al confronto e allo scambio.

Vogliamo esprimere.
Vogliamo imparare.
Vogliamo scrivere.
In a few words.

 

 

Filippo Romei

Filippo Romei

Direttore Editoriale

“La morte mi fa ridere, la vita no”.

Piero Ciampi

Nicola Della Pergola

Nicola Della Pergola

Redattore

“Non esiste né peccato, né virtù. Esiste solo quello che si fa e che è parte della realtà, e tutto ciò che si può dire con sicurezza è che la gente fa delle cose che sono simpatiche, altre che non sono simpatiche”.

John Steinbeck

Mirko Lisella

Mirko Lisella

Direttore Fotografia
Federico Bonato

Federico Bonato

Redattore

“Non sempre nei libri troviamo una soluzione ai problemi del mondo, ma c’è qualcosa che le persone cercano nei momenti di crisi, ossia la necessità di ricordarci che siamo forti. Conosciamo la bellezza, possiamo creare delle frasi, dare ritmo, iniziare e finire una storia. In poche parole: dare vita alla bellezza. Non è per il libro in sé ma per l’esperienza…”

Alessandro Baricco

Mara Abbafati

Mara Abbafati

Redattrice

“Il film è mio e ci metto tutti i conigli che voglio”.

David Lynch

Valentina Nastasi

Valentina Nastasi

Redattrice

“C’è una teoria che afferma che, se qualcuno scopre esattamente qual è lo scopo dell’universo e perché è qui, esso scomparirà istantaneamente e sarà sostituito da qualcosa di ancora più bizzarro ed inesplicabile. C’è un’altra teoria che dimostra che ciò è già avvenuto”.

Douglas Adams

Elettra Gallorini

Elettra Gallorini

Redattrice

“Strano pianeta e strana la gente che lo abita. Sottostanno al tempo, ma non vogliono accettarlo. Hanno modi per esprimere la loro protesta. Fanno quadretti, ad esempio questo”.

Wisława Szymborska

Giuditta Mattei

Giuditta Mattei

Redattrice

“La vita si spalancava davanti a me, ero libero, e la libertà è rischiosa, non puoi sapere se nel tuo fiume c’è un mulinello pronto a strangolarti, se dietro la curva la strada prosegue in salita o sprofonda in un burrone, se c’è ad attenderti una locanda o lo sceriffo di Nottingham. La libertà, diceva Baruch, è un fungo che devi assaggiare, non puoi sapere prima se ti fa male o no. E io non sapevo quale dei miei due orologi avrebbe battuto più forte. Non sapevo neanche più se ero giovane o vecchio. Un giovane che morirà a vent’anni, a diciotto è già vecchio”.

Stefano Benni